Sicilia Buona intervista Antonio Cascio, infettivologoSicilia Buona intervista l'infettivologo Antonio Cascio

Sicilia Buona intervista l’infettivologo Prof. ANTONIO CASCIO, Direttore dell’unità operativa di malattie infettive tropicali presso il Policlinico Universitario “P. Giaccone” di Palermo.

Nel corso dell’intervista parleremo con il Prof. Cascio della quarta ondata di contagi che ha spiazzato tutta Italia a causa della variante Omicron, una variante molto più contagiosa rispetto alle precedenti, ma fortunatamente meno patogena.

Parleremo di immunità naturale ed immunità indotta dai vaccini, del vaccino proteico Novavax e delle differenze rispetto ai vaccini ad mRna, di anticorpi monoclonali, di cure domiciliari e dell’utilizzo della possibilità di abolire l’utilizzo delle mascherine per i più giovani.

ANTONIO CASCIO: “Omicron come vaccino a virus attenuato. L’infezione proteggerà da future varianti”

Stiamo andando incontro ad una fase endemica del virus e quindi verso la fine dell’emergenza sanitaria? Le varianti precedenti, come la Delta, sono ancora presenti? E quanto incidono oggi sul numero dei ricoveri in terapia intensiva e sui decessi?

Gli anticorpi naturali durano nel tempo più degli anticorpi da vaccino? Sottoporsi a più richiami di vaccino in un arco di tempo così breve può influire negativamente sul sistema immunitario? Quanto c’è di scientifico nelle scelte prese dal Governo nazionale, fra obbligo vaccinale, divieti di accesso a determinati luoghi pubblici ed uffici, nonché sospensioni dal lavoro per i cittadini sprovvisti di super green pass?

In Gran Bretagna vengono abolite tutte le restrizioni e le misure d’emergenza, niente più green pass nè obbligo di mascherine: sono gli inglesi ad essere troppo fiduciosi o siamo eccessivamente cauti noi in Italia? A queste e ad altre domande risponde il Prof. ANTONIO CASCIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.