Intervista a Beatrice Silenzi su informazione indipendente, mainstream e Dimartedì
Siciliabuona: Intervista a Beatrice Silenzi

Intervista a Beatrice Silenzi su informazione indipendente, mainstream e Dimartedì

Nuovo libro di Beatrice Silenzi: “Il Pensiero degli altri. Come sono passata dal mainstream alla libera informazione”.

Sicilia Buona – Intervista a BEATRICE SILENZI, giornalista, conduttrice Radio e TV, ideatrice del progetto Fabbrica della Comunicazione, autrice del libro pubblicato di recente dal titolo “Il Pensiero degli altri. Come sono passata dal mainstream alla libera informazione” per Bibliotheka edizioni.

In questa video intervista parliamo con Beatrice Silenzi del suo ultimo libro, scritto in questo ultimo periodo segnato dalla pandemia e da tutte le ripercussioni sulla società alle quali stiamo assistendo, inoltre approfondiremo quanto accaduto durante la scorsa puntata della trasmissione televisiva Dimartedì su LA7 condotta da Giovanni Floris, puntata in cui era ospite la giornalista Beatrice Silenzi.

Intervista a Beatrice Silenzi su informazione indipendente, mainstream e Dimartedì

Un momento di televisione italiana in cui abbiamo assistito all’ennesima dimostrazione di impossibilità di confronto su tematiche attuali, azzerando il confronto democratico ed il vero dibattito pubblico.

Assistiamo, oramai, ad una inarrestabile e sempre più decisa propaganda televisiva e giornalistica che celebra le scelte del Governo attuale, finge talvolta di passare la parola alle voci di dissenso, ma di fatto le strumentalizza tentando di ridicolizzarle per convincere l’opinione pubblica della bontà ed efficacia delle scelte fin qui imposte per ragioni di sanità pubblica.

Per convincere il pubblico ad accettare e sostenere tutte le recenti scelte politiche in merito a restrizioni e discriminazioni sociali, avallandone anche le incongruenze, servono addirittura sette persone da scagliare contro una, come abbiamo vista a Dimartedì, concedendo solo pochi secondi di parola all’unica voce di dissenso presente.

Ridicolizzare, screditare, etichettare: queste continuano ad essere le tre regole d’oro dell’informazione mainstream, regole da attuare per convincere gli italiani riguardo alla buona fede ed efficacia delle scelte politiche del Governo negli ultimi due anni, con particolare cura ed attenzione nel celebrare il Governo Draghi.

Non resta che la rete e l’informazione indipendente a quanti vogliono essere informati, invece che essere convinti.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Anch’io ero rimasta basita dalla sfacciataggine di Floris, come sempre del resto, ma in quella puntata addirittura scandaloso: contraddittorio praticamente inesistente.
    Complimenti invece alla giornalista Beatrice Silenzi. 💪💪🙌

  2. È palese constatare come giornalisti quali Giovanni Floris e tanti suoi sodali de La Sette, di Mediaset, della RAI e dei quotidiani nazionali, che compongono il cosiddetto mainstream, si siano totalmente venduti al potere in cambio di denaro, carriera, visibilità e interessi vari. Il giornalista che sa fare il suo mestiere dovrebbe fare da cane da guardia al sistema politico corrotto e a quello dei medici e pseudo scienziati da salotto TV, che dicono tutto e il contrario di tutto. Constatiamo invece come si siano letteralmente venduti tutti a un sistema che da circa due anni imbroglia i cittadini su virus e pandemia. Le ignobili misure adottate dai governi Conte e Draghi, hanno distrutto parte del tessuto economico italiano e prodotto oltre un milioni di bambini che vivono in povertà assoluta. Hanno ucciso le persone più i protocolli sanitari di Speranza, basati su Tachipirina e vigile attesa, piuttosto che lo stesso virus. Per non parlare del fallimento del vaccino anticovid che non immunizza nessuno, ma al contrario, essendo un farmaco sperimentale, autorizzato e non approvato dall’EMA, l’Agenzia Europea del Farmaco, finanziata per l’86% da Big Pharm, sta creando effetti collaterali dannosi e persino tanti decessi di bambini, giovani e anziani. Ci vorrebbe una nuova Norimberga per tutto questo orrore.

Lascia un commento