Le donne yemenite sfidano le condizioni della guerra
photo By Hayat Al-asharif

Le donne yemenite sfidano le condizioni della guerra

di Redhwan Al-Sharif

Le sfide quotidiane delle donne nello Yemen

La partecipazione delle donne yemenite alla forza lavoro nello Yemen registra uno dei tassi più bassi al mondo e il collasso economico causato dal conflitto in corso ha distrutto il mercato del lavoro.

I dati disponibili indicano che le donne che lavorano sono generalmente più colpite dal conflitto rispetto agli uomini. Scende anche la percentuale di donne che mantengono il lavoro. Le imprese che chiudono i battenti sono in maggioranza quelle di proprietà delle donne.

Tuttavia, in un secondo momento, la guerra prolungata ha spinto più donne a lavorare, spesso a causa della perdita della fonte di reddito derivante dalla crisi economica o della perdita del padre che provvedeva al sostentamento familiare.

Ciò determina che l’ingresso di più donne nel mercato del lavoro è dovuto alle ripercussioni economiche del conflitto, e non per un potenziamento economico pianificato per le donne.

Durante il conflitto, le donne hanno iniziato a creare nuovi progetti spesso all’interno delle mura domestiche, oppure unendosi come lavoratrici nei ristoranti, per esempio, o praticando il commercio nei mercati all’ingresso di città e villaggi, professioni che erano precedentemente dominate dagli uomini.

L’emergenza umanitaria nello Yemen ha creato nuove opportunità di lavoro per le donne. D’altra parte, alcune donne sono state spinte a lavorare per le forze di sicurezza delle parti in conflitto, mentre altre sono state spinte a lavori fisici pesanti, in nero e poco retribuiti, mentre altre donne sono state costrette a mendicare.

Ragioni sociali e culturali limitano le donne yemenite

La società yemenita è descritta come una società tribale chiusa nella maggior parte delle sue regioni, che ha norme sociali che limitano ulteriormente il ruolo delle donne e che impongono ad esse ruoli specifici, ad esempio sull’aspetto sociale, limitandole ai lavori domestici e all’allevamento solo i figli.

Ci sono anche aree che privano l’eredità delle donne, come il distretto di Yafa’a nel governatorato di Lahj. Per quanto riguarda il lavoro fuori casa, può essere consentito lavorare solo nei settori dell’istruzione e dell’assistenza infermieristica.

Lo Yemen è l’ultimo nel Global Gender Gap Index sviluppato dal World Economic Forum per il 13 ° anno consecutivo. Le donne hanno continuato a soffrire profondamente della disuguaglianza di genere radicata in una società profondamente radicata nella mascolinità e in rigidi ruoli di genere.

Sebbene il conflitto nello Yemen abbia avuto un impatto terribile su tutti i civili in generale, le donne e le ragazze sono colpite in modo sproporzionato da questa situazione.

Gli stereotipi negativi sui ruoli di genere e gli atteggiamenti patriarcali, il sistema legale discriminatorio e la disuguaglianza economica hanno tutti esacerbato la posizione precaria delle donne in relazione alla loro esposizione alla violenza.

Le ostilità hanno causato sofferenze agli yemeniti a causa della gravità della crisi economica, delle infrastrutture danneggiate e del crollo dei servizi. Inoltre, tuttavia, le donne hanno dovuto affrontare una mobilità limitata a causa delle norme culturali prevalenti tra i sessi.

Poiché esse sono responsabili della fornitura di cibo e cure nelle loro case, hanno dovuto affrontare le sfide associate al limitato accesso a cibo, acqua, servizi igienici e servizi sanitari, che si sono notevolmente deteriorati a causa del conflitto in corso o addirittura alla totale assenza del necessario per la sopravvivenza.

Fatima Ahmed,Sana,a , Photo By Hayat Al-sharif 

Fatima Ahmed, 45 anni. Porta in mano il ramo che simboleggia la pace che desidera per lo Yemen. Dopo essere fuggita da Sana’a ad Almhoit e aver perso il lavoro di insegnante, ora sogna di tornare alla sua vita normale con i suoi figli.

Abrar has a dream to ride a bicycle in the street
photo By Hayat Al-sharif
Abrar helps her mother by making “Zahaweq
Photo By Hayat Al-sharif

Abrar Ahmed, 16 anni, aiuta sua madre preparare lo “Zahaweq e Chili” utilizzando due pietre pesanti. Il pane e il peperoncino sono il cibo principale per la maggior parte delle famiglie nello Yemen. Abrar ha un sogno, quello di andare in bicicletta per strada, ma non può a causa della tradizione yemenita che vieta alle donne l’utilizzo della bicicletta. Ma questo non è l’unico ostacolo che Abrar deve affrontare: sarà costretta a contrarre matrimonio malgrado la sua giovane età.

Abrar is now a bride, a wedding ring , Photo By Hayat Al-sharif
Huda with her roses, Photo by Hayat Al-sharif

Huda ha 24 anni e ha terminato gli studi universitari tre anni fa. Ora sta cercando lavoro, finora inutilmente. Desiderava diventare una dipendente dell’aviazione yemenita e ha presentato domanda, ma le hanno detto che i lavori non sono disponibili a causa della guerra.

Alla fine ha deciso di iniziare il suo progetto e di dipendere da se stessa. Ha potuto lavorare da casa sua realizzando composizioni floreali per cerimonie matrimoniali. Sulla sua pagina Facebook ha ricevuto molte offerte per realizzare bouquet da sposa.

Per Huda, però, è difficile andare avanti con i guadagni della vendita di mazzi di rose. Inizia, così, a richiedere borse di studio internazionali per viaggiare e lasciare lo Yemen. Spera di ottenere una borsa di studio interamente finanziata per studiare e partecipare ad un master fuori dallo Yemen.

Rahma with her handmade products, Photo By Hayat Al-sharif

Rahma Ahmed, 18 anni, ha smesso di studiare a causa della sua impossibilità a pagare le tasse scolastiche. Ha deciso di aiutare la sua famiglia e ha imparato l’artigianato producendo prodotti artigianali che vendeva alle donne. Rahma dice che il reddito è molto basso già per procurarsi il cibo, quindi non è possibile mantenersi da soli. Bisogna solo cercare un percorso lavorativo che ti garantisca di poter compare il cibo per sopravvivere.

Le restrizioni ostacolano le fotografe yemenite

La fotografa yemenita Hayat Al-Sharif è nata in Arabia Saudita ed è cresciuta nello Yemen. Il lavoro di Al Sharif consiste nel catturare in uno scatto le sfide che le donne devono affrontare a causa della guerra in corso nello Yemen.

In qualità di fotografa nello Yemen conservatore, Al-Sharif ha affrontato le proprie battaglie contro profondi vincoli culturali per poter lavorare.

Al-Sharif ha studiato all’Università di Sana’a e ha anche partecipato a corsi all’estero negli Stati Uniti, sebbene la sua capacità di viaggiare sia stata seriamente limitata dal conflitto in corso. I suoi lavori sono stati pubblicati in Yemen e all’estero. Vive a Sanaa con il marito e il figlio di tre anni.

La fotografa Hayat Al-Sharif racconta:

“La fotografia è la mia passione, l’arma passione contro l’ignoranza, la povertà e la dittatura.

Per quanto mi riguarda personalmente in Yemen, è difficile essere un fotoreporter. Se tieni in mano la macchina fotografica sarai accusato di un crimine e potresti essere ucciso o arrestato. La guerra mi ha proibito di lavorare con molte agenzie di stampa, media, organizzazioni a causa delle violazioni che subiamo io e molti fotografi. Tutti sanno che le prigioni sono piene di giornalisti, fotografi e scrittori. D’altra parte, alcune persone all’estero non possono nemmeno immaginare o comprendere il rischio reale che i fotografi, in particolare le donne, affrontano ogni giorno in Yemen e cercano di utilizzare il nostro lavoro e i nostri sforzi.

 Come fotografa, potrei narrare della realtà quotidiana delle donne yemenite durante la guerra, di come sono state private dei loro semplici diritti come l’istruzione, l’assistenza sanitaria, il lavoro, la partecipazione politica.

Persino il lavoro nel campo dei media hanno causa maggiore pressione sulle donne, alle quali è negato vivere una vita normale. Il conflitto ha aggravato la terribile situazione di donne e bambini e li ha costretti a vivere senza scelta per fare una vita migliore e ad affrontare la guerra imposta.

Malgrado tutti gli ostacoli che le donne yemenite devono affrontare, me compresa, vorremmo finalmente ottenere una vera vittoria per noi stesse. Io ho resistito a tutti gli ostacoli e le restrizioni e ho raggiunto molti risultati durante lo scorso anno, poiché ho documentato molti problemi, lavorato per molte organizzazioni, pubblicato molte agenzie di media e canali TV e finalmente ottiene la voce di molte donne.

Interpreto i veri eroi dello Yemen: le donne che sopravvivono nello Yemen in tempo di guerra e vicino alla carestia. Sono una di quelle donne yemenite e sento di dover raccontare le loro storie e cambiare la loro realtà. E’ il mio modo di urlare “NOI APPARTENIAMO ALLA PACE, NON APPARTENIAMO ALLA GUERRA”!

Il governo yemenita deve adottare misure efficaci per aumentare la partecipazione politica delle donne, affrontando leggi e pratiche sistematiche e discriminatorie al fine di proteggere il diritto delle donne all’uguaglianza con gli uomini e alla libertà da ogni forma di discriminazione. E soprattutto affrontando gli atteggiamenti culturali e sociali di base che discriminano le donne.”

Lascia un commento